Donne e arte: più di 80 voci Wikipedia nuove o migliorate grazie all’edizione 2017 di Art + Feminism in Italia

archivio-firenze
L’ Archivio di Stato di Firenze apre le porte ai progetti Wikimedia
13 marzo 2017
jacopo_maffei_periodi_istorici_manoscritto_web
La Digital Library italiana. È tutto oro quel che luccica?
16 marzo 2017
Show all

Donne e arte: più di 80 voci Wikipedia nuove o migliorate grazie all’edizione 2017 di Art + Feminism in Italia

artfeminism_base_milano_11marzo2017_05_web

Si sono svolte mercoledì 8 e sabato 11 marzo le editathon italiane connesse al progetto internazionale Art + Feminism, nato nel 2014 con l’obiettivo di colmare il gender gap su Wikipedia, attraverso eventi volti a creare e migliorare voci su donne e arte e favorire il coinvolgimento di contributrici al femminile.
Per la prima volta sei città italiane hanno aderito all’iniziativa, ospitando una maratona di scrittura: sono più di 80 gli articoli migliorati o prodotti ex-novo da circa 100 partecipanti agli eventi che si sono concentrati su temi differenti, valorizzando le eccellenze territoriali e utilizzando le fonti messe a disposizione dalle istituzioni che hanno ospitato gli appuntamenti.
Tutti gli eventi sono stati coordinati da Wikimedia Italia e dal gruppo Wiki Donne che svolgono attività interessate a ridurre il gender gap nel mondo wiki; Enegan Luce & Gas ha sponsorizzato con entusiasmo l’evento in virtù del suo impegno nel sostenere e valorizzare il mondo della cultura e dell’arte.
L’iniziativa è partita l’8 marzo da Venezia, con un appuntamento organizzato in collaborazione con la Biblioteca di Area Linguistica (BALI) che ha portato alla creazione e al miglioramento di 30 voci sul lavoro di Virginia Woolf “Le tre ghinee”.
L’11 marzo è stata poi la volta delle altre città italiane: a BASE Milano la maratona di scrittura si è focalizzata sull’arte interattiva e – in particolare – i videogiochi sperimentali, con un intervento di apertura di Claudia Molinari dello studio di videogiochi indipendente We Are Müesli, che ha portato ai partecipanti la propria esperienza personale di visual e game designer donna.
Le fonti messe a disposizione dal MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo hanno invece permesso alle editrici romane di produrre 13 nuovi articoli e modificarne altri, concentrandosi su artiste contemporanee tra cui Paola Pivi, Amelia Van Buren, Bruna Esposito e sull’opera Love Locked Out di Anna Lea Merritt, il primo quadro di una donna artista acquistato per la collezione nazionale britannica.
Anche le Gallerie degli Uffizi di Firenze hanno aderito alla maratona, migliorando le voci sulla biografia e i lavori di Suor Plautilla Nelli, prima pittrice di cui si abbia notizia a Firenze, di cui il Museo ospita un’esposizione (visitabile fino al 04/06).
Hanno aderito infine all’iniziativa il Caffé culturale Arté di Battipaglia (SA) e il Museo Archeologico Provinciale di Potenza.
Nella città campana sono state create 13 nuove voci, per la maggior parte riguardanti pittrici salernitane degli anni Trenta, mentre nel capoluogo della Basilicata, grazie all’impegno del Comitato di Scopo Cittadinanza di Genere, sono state prodotte 4 nuove voci su pittrici lucane ed è stata ampliata la voce dedicata a Maria Padula.
L’appuntamento sarà sicuramente replicato nel 2018 e alcune città, tra cui Napoli e Taranto, hanno già dimostrato il proprio interesse verso l’adesione.
Be bold and keep editing!

nell’immagine: l’editathon Art + Feminism a BASE Milano. Foto di Francesca Lissoni – opera propria, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *