Le Wikigite della Settimana, dal filare della vigna al filo di seta

cagliari_-_castello_san_michele
Wiki Loves Sardegna! Mostra fotografica a Cagliari e prima edizione del contest locale
12 settembre 2017
nobilis_saxoniae_fl-_visurgis_cum_terris_adjacentib-_ab_inclyta_brema_ad_ostium_maris_-_cbt_5873463
Geografie del mondo antico su Wikimedia Commons
14 settembre 2017
Show all

Le Wikigite della Settimana, dal filare della vigna al filo di seta

vbb

Proseguono i safari fotografici connessi all’edizione 2017 di Wiki Loves Monuments, con 19 appuntamenti tra Lombardia, Emilia Romagna, Marche e Basilicata.
Si comincia con wikigite tra le vigne di Bertinoro (FC) e si prosegue, sempre in Romagna, con una visita guidata al centro storico di Comacchio (FE) e al settecentesco Ospedale degli Infermi, oggi sede del Museo del Delta Antico.
Castello D’Argile (BO), Vignola (MO) e Scandiano (RE) saranno invece le mete delle wikigite emiliane nella giornata di sabato, tra Rocche medievali e teatri storici. In contemporanea, due percorsi anche sulle Dolomiti lucane, alla scoperta di Pietrapertosa e Castelmezzano (PZ).
Sempre sabato 16 settembre il Comune di Cernobbio (CO) propone una wikigita “sul filo della seta”, sui passi del Cav. Davide Bernasconi, noto imprenditore tessile locale: la passeggiata toccherà Villa Bernasconi e il suo giardino, gli edifici della Cittadella della Seta fino al centro storico con la chiesa di San Vincenzo e la fontana di piazza Risorgimento.
Diversi i percorsi in programma anche per la giornata di domenica 17 settembre: dall’area ex-zuccherificio di Crevalcore (BO), alla visita alla cappella restaurata di Villa Pelucca a Sesto San Giovanni (MI), fino allo splendido Giardino neo-rinascimentale di Palazzo Costabili a Ferrara (FE). Anche la città di Tito (PZ) ospiterà una wikigita, alla scoperta del convento e della Torre di Satrianum.
Consulta qui il calendario completo delle wikigite e…non dimenticare la macchina fotografica!

Nell’immagine: Un dettaglio di Villa Bernasconi a Cernobbio (CO). Foto di Daniela Manili Pessina (opera propria), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *