WLM 2016: assegnati nuovi Premi speciali e locali!

640px-torrechiara_luci_al_tramonto
L’Italia al quarto posto nella classifica internazionale del concorso Wiki Loves Monuments 2016
16 dicembre 2016
Buone feste con le anticipazioni Wikimedia Italia per l’anno nuovo – newsletter n. 136 del 23 dicembre 2016
23 dicembre 2016
Show all

WLM 2016: assegnati nuovi Premi speciali e locali!

isola-sanandrea-mori-b

In concomitanza con l’annuncio della giuria internazionale Wiki Loves Monuments, anche i partner storici del concorso a livello nazionale e i coordinamenti locali hanno rivelato i vincitori dei loro Premi per l’edizione 2016.

Di indubbio valore il Premio attribuito da FIAF, la Federazione Italiana delle Associazioni Fotografiche, che ha supervisionato tutte le fasi di valutazione del concorso. La fotografia vincitrice, che già si era piazzata al 4° posto a livello nazionale, raffigura il centro storico di Matera.

Si aggiudica il Premio di WWF Italia per la migliore fotografia raffigurante un monumento naturale lo scatto dell’Isola di Sant’Andrea nel lago di Loppio, in Trentino (immagine nel post). La Fondazione Gran Paradiso – ente della Valle d’Aosta da sempre vicino a WLM Italia – ha invece deciso di assegnare la palma del proprio concorso speciale, dedicato al miglior inserimento di un monumento culturale nel contesto naturale, alla pluridecorata Lara Zanarini, autrice dello scatto che raffigura il Castello di Torrechiara premiato sia a livello nazionale che internazionale.
Infine ICOM Italia, l’associazione che riunisce professionisti museali e importanti istituzioni a livello nazionale, ha riconosciuto come vincitrice la fotografia raffigurante le saline di Trapani e Paceco in Sicilia.

Diversi coordinamenti regionali di Wikimedia Italia e associazioni locali legate al concorso hanno scelto di partecipare all’edizione 2016 di WLM, attribuendo un premio ai migliori scatti del proprio territorio.

#WLPiemonte, organizzato per il secondo anno in collaborazione con l’associazione WeLand, premia uno scatto realizzato in Monferrato nella città di Asti. Al secondo e terzo posto si collocano una fotografia della Sacra di San Michele e della Chiesa di Santa Chiara di Bra.
Per l’edizione 2016 si è scelto, inoltre, di assegnare un riconoscimento alla miglior fotografia scattata sul territorio di Guardia Piemontese, cittadina della provincia di Cosenza creata da emigranti piemontesi insediatisi in Calabria. Con il supporto della giuria del Tirreno Cosentino il team piemontese ha scelto di premiare uno scatto di Emanuele Santoro.

La prima edizione del concorso regionale in Lombardia vede trionfare una fotografia della Cattedrale di Como opera di Marco Pacini. Completano il podio il Castello di San Giorgio di Legnano e il Museo del tessile di Busto Arsizio. La città dell’Altomilanese ha scelto, inoltre, di assegnare un premio anche al miglior fotografo sul proprio territorio, che va ad un’immagine del Monumento equestre a Enrico Dell’Acqua.

Prima edizione anche per #WLTrentino, dove trionfa uno scatto naturalistico che ritrae il biotopo “canneto d’Idro” in una nebbiosa atmosfera del primo mattino. A seguire la Rocca di Riva del Garda e le Gallerie di Piedicastello. Anche per il concorso trentino è prevista l’attribuzione di una menzione speciale, istituita dal comune capoluogo di Trento: il Premio va a Franco Visintainer con il suo scatto del Mausoleo di Cesare Battisti.

Vince WLM Toscana, organizzato dal coordinamento regionale di Wikimedia Italia, un’immagine dell’incantato Ponte romanico nel territorio di Bibbiena, seguito dal Lago di Chiusi e dalla Biblioteca Marucelliana di Firenze.

Per l’edizione 2016 si aggiunge alla lista la Basilicata dove trionfa il Castello Federiciano di Melfi, sul podio insieme ad uno scatto che raffigura i resti di un tempio presente nel Parco archeologico del Metaponto e dalla Piazza di Tito in bianco e nero.

Giungiamo in fondo allo stivale con Wiki Loves Tirreno Cosentino, evoluzione dello storico concorso di Fiumefreddo Bruzio, dove l’utente Vittorio Martire si aggiudica le prime due posizioni (1 e 2) con i suoi suggestivi scatti dei monumenti di Amantea, completa il trio un’immagine della Chiesa di Santa Maria di Monte Persano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *