Come sarebbe il mondo senza la Rete libera?

La comunità di Wikipedia si attiva per difendere la libertà di espressione sul web
2 Luglio 2018
Wikipedia oscurata: alcuni chiarimenti
4 Luglio 2018
Show all

Come sarebbe il mondo senza la Rete libera?

Al termine di una discussione pubblica avvenuta all’interno dell’enciclopedia, questa notte la comunità di volontari ha deciso di oscurare le pagine di Wikipedia in lingua italiana in vista del voto del Parlamento europeo a Strasburgo sulla direttiva copyright, che anziché tutelare chi voglia creare nuovi contenuti introduce ulteriori restrizioni alla Rete.

Wikimedia Italia sostiene la decisione ferma e coraggiosa dei volontari di Wikipedia in lingua italiana. Questa direttiva è particolarmente importante per l’Italia e la Rete in italiano, in quanto è la nostra migliore possibilità per favorire la libertà di panorama e il pubblico dominio, particolarmente negletti in Italia rispetto alla maggior parte dei paesi UE.

I volontari ritengono che ciò che oggi accade a Wikipedia potrebbe domani diventare la realtà quotidiana per tutti i cittadini europei, con una normativa sul copyright che mette in serio pericolo la libertà di espressione sul web e i principi alla base dei progetti Wikimedia, quale Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Vi fidereste, ad esempio, di una Wikipedia che non possa inserire citazioni di articoli di stampa come fonti a causa della cosiddetta link tax, che verrebbe introdotta dall’articolo 11 della nuova direttiva? O di una enciclopedia in cui il controllo delle violazioni di copyright non è curato in modo democratico ed efficace dalla comunità ma affidato a macchine che operano come censori a priori, come previsto dall’articolo 13?

Chi lo desidera, può attivarsi a sostegno dell’azione dei volontari, chiedendo agli eurodeputati di votare in plenaria contro il mandato negoziale che farebbe avanzare il testo attuale nelle successive fasi legislative.

Nell’immagine: manifestanti a Bruxelles. Di M0tty, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

 

3 Comments

  1. Faccioli Daniela ha detto:

    Libertà di parola libertà di pensiero.

  2. Paolo Volpe ha detto:

    Il ritorno della censura? La non partecipazione? Wikipedia e’ simbolo di civiltà e condivisione senza scontri e col contraddittorio. Saltiamo la sua natura che già fu enorme rivoluzione culturale quanto il Web stesso.

  3. Federico ha detto:

    A proposito di violazioni del diritto d’autore da parte dei grandi editori, ricordiamoci queste statistiche sugli abusi a fini di censura:
    https://www.lumendatabase.org/blog_entries/800

Rispondi a Faccioli Daniela Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.