Tutte le lingue della libertà di stampa su Wikipedia: torna il contest online di OBC Transeuropa

Le storie di Wiki Loves Monuments: forse un mattino andando in un’aria di vetro…
15 ottobre 2018
Le storie di Wiki Loves Monuments: impariamo a documentare il nostro patrimonio!
22 ottobre 2018
Show all

Tutte le lingue della libertà di stampa su Wikipedia: torna il contest online di OBC Transeuropa

Wikipediani esperti o apprendisti, è il vostro momento: fino al 30 novembre 2018 potrete contribuire ad arricchire le pagine dell’enciclopedia libera dedicate alla libertà di stampa partecipando alla seconda edizione del concorso di scrittura e traduzione su Wikipedia, promosso da Osservatorio Balcani Caucaso Transeuropa.
L’amore tra il movimento Wikimedia e il think tank trentino è ormai di lunga data e affonda le sue radici nel 2015, quando l’istituzione ospitò un Wikipediano in Residenza nell’ambito del progetto European Centre for Press and Media Freedom con l’obiettivo di promuovere attività di informazione e sensibilizzazione sul tema della libertà di stampa, utilizzando l’enciclopedia libera come “cassa di risonanza”.
Da quel momento, il lavoro di OBC Transeuropa su Wikipedia non si è più arrestato: promuovendo eventi, editathon e contest online nell’ambito del progetto Wiki4MediaFreedom, l’Osservatorio ha in questi anni contribuito a migliorare e tradurre in diverse lingue migliaia di voci dell’enciclopedia libera su temi importanti e attuali come il diritto e l’accesso all’informazione, la censura e l’autocensura, la diffusione degli organi di stampa e la trasparenza sulla proprietà mediatica.
Ed eccoci ad una nuova tappa di questo percorso: dopo la prima edizione del contest online Wiki4MediaFreedom – grazie al quale lo scorso luglio state tradotte e migliorate 20 voci in 3 lingue – torna la competizione di OBC rivolta a tutti coloro che desiderano aiutare l’Osservatorio a fare cultura sulla libertà di stampa attraverso i wiki.
Gli argomenti principali su cui verte la seconda edizione del contest sono l’accesso all’ informazione – per rimanere in tema con l’Access to Information Day appena celebrato il 28 settembre – e il problema dei giornalisti assassinati, una questione purtroppo ancora molto attuale in Europa dopo i recenti omicidi dei giornalisti Viktoria Marinova (in Bulgaria) e Jan Kuciak (in Slovacchia). Non a caso, una delle voci premiate per la prima edizione è stata proprio la biografia di Daphne Caruana Galizia in croato, reporter uccisa a Malta nel 2017.
Novità di questa edizione sarà anche il numero di lingue in cui sarà possibile contribuire: i partecipanti potranno creare, aggiornare, migliorare e tradurre voci in italiano, inglese, tedesco, spagnolo, albanese e serbo-croato.
Le voci saranno valutate dai curatori della piattaforma Resource Centre for Media Freedom insieme a esperti wikipediani e ai traduttori di OBC Transeuropa sulla base di qualità, quantità e fonti aggiunte.
I lavori migliori verranno premiati con tre buoni acquisto online dal valore rispettivo di 50, 30 e 20 euro. Inoltre, per promuovere il multilinguismo, l’Osservatorio metterà in palio premi speciali dedicati ai lavori svolti in lingue non coperte dalle voci vincitrici.
Wikipediani, cosa aspettate? Mano alle tastiere!

Nell’immagine: Partecipanti alla seconda ediizone dell’editathon Wiki4MediaFreedom a Sofia. Di Francesco Martino /OBCT, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *