State of the Map 2018: 400 volte grazie! – Wikimedia Italia

State of the Map 2018: 400 volte grazie!

Aspettando State of the Map 2018. OpenStreetMap tra imprese, comunità e Pubblica Amministrazione.
18 Luglio 2018
Bologna, OpenStreetMap e una serie di fortunati eventi
29 Agosto 2018
Show all

State of the Map 2018: 400 volte grazie!

Si è concluso ieri State of the Map 2018, il raduno globale della comunità OpenStreetMap, che per la prima volta si è svolto nel nostro Paese.
La tre giorni, organizzata da OpenStreetMap Foundation e Wikimedia Italia, patrocinata dal Comune di Milano e ospitata presso il Politecnico di Milano, ha registrato il record assoluto di partecipanti rispetto alle precedenti edizioni: oltre 420 persone da 54 Paesi in tutto il mondo hanno preso parte all’evento, tra cui 25 volontari e più di 20 borsisti che sono arrivati a Milano e hanno potuto seguire la conferenza grazie al programma di scholarship attivato dalla Fondazione e al supporto degli sponsor Bing, Facebook, Mapbox, Telenav, Immobiliare.it, Gramin, Kaart, Mapllary, Maps.me e OsmAnd.
Nell’ambito della cerimonia di chiusura dell’evento sono stati consegnati gli OpenStreetMap Award 2018 ed è avvenuto il passaggio di testimone alla città che l’anno venturo ospiterà la conferenza: sarà Heidelberg, in Germania la prossima tappa di SotM, dal 21 al 23 settembre 2019.
Diversi scatti della conferenza sono già online su Wikimedia Commons: chi lo desidera può aggiungere le proprie fotografie inserendole nella stessa categoria!
Per chi invece si fosse perso l’evento, gran parte delle sessioni sono state riprese e trasmesse in streaming e sono ora disponibili su YouTube a questo link.
Grazie a tutte le persone che hanno reso possibile questo evento, ai mappatori che hanno partecipato e alla comunità OpenStreetMap di tutto il mondo, che ogni giorno con grande generosità mette dati geografici liberi a disposizione di tutti.
E ora buona estate e…map! map! map!

Nell’immagine: foto di gruppo per State of the Map 2018 Milano. Di Francesco Giunta (opera propria), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons