I progetti Wikimedia in riva al mare a Bari

Sulle tracce di Vincenzo Bindi alla scoperta dei beni culturali d’Abruzzo
24 Luglio 2019
Wikipedia al mare, in città, in biblioteca e in università! – Newsletter n. 199 del 24 luglio 2019
24 Luglio 2019
Show all

I progetti Wikimedia in riva al mare a Bari

L’enciclopedia libera e i progetti fratelli non vanno in vacanza, ma non disdegnano le trasferte in spiaggia! Questa estate il mondo dei progetti Wikimedia farà tappa a Bari presso il Villaggio del Mare, che da lunedì 22 luglio sarà allestito sul lungomare IX Maggio di San Girolamo.
Il calendario di eventi estivi che animeranno la struttura, promossi dall’assessorato al Welfare della nota città pugliese, prevede nella giornata di venerdì 2 agosto dalle 19 alle 20 un incontro dedicato alla cultura libera e ai progetti collaborativi. A condurre l’incontro, il nostro socio più giovane (grazie al nostro nuovo statuto, anche i minorenni possono unirsi a Wikimedia Italia): Ferdinando Traversa, giovane wikimediano originario di Bari che ha appena conseguito con successo il suo diploma di terza media!
Abbiamo fatto qualche domanda proprio a Ferdinando, che nei suoi primi giorni di meritata vacanza sta lavorando alla preparazione dell’incontro

Come sei riuscito a portare Wikimedia Italia all’interno della Social Summer di Bari?

È già dall’anno scorso che volevo fare una cosa del genere. Dato che quest’anno il Villaggio non è distante da casa mia, ho pensato: “Tentiamo, o la va o la spacca” e ho fatto richiesta al Comune di Bari. Fortunatamente,il mio intervento è stato accettato e inserito nel programma.

Dacci qualche anticipazione, che cosa proporrai a chi verrà al Villaggio il 2 agosto? 

Spero di parlare un po’ non solo di Wikipedia dal punto di vista pratico e teorico, ma anche della filosofia open, dei progetti Wikimedia e delle licenze libere in generale. Vorrei portare un pezzo di Wikimedia Italia ai partecipanti.

Tu sei giovanissimo! Perché un ragazzo o una ragazza della tua età a tuo parere dovrebbero contribuire ai progetti Wikimedia?

Partiamo dal presupposto che tutti, indipendentemente dall’età, possono mettersi in gioco e contribuire ai progetti Wikimedia e, in generale, alla vita dell’associazione che promuove il sapere aperto in Italia. 

Noi ragazzi, fortunatamente, abbiamo più tempo libero degli adulti quindi, una volta terminata la scuola, possiamo permetterci anche di dedicare più energie ad attività di questo genere e sicuramente abbiamo più vitalità e voglia di farlo.

È per questo motivo che, oltre a promuovere l’incontro del 2 agosto, ho deciso anche di occuparmi del coordinamento del concorso regionale legato a Wiki Loves Monuments in Puglia, che quest’anno per la prima volta verrà promosso dai volontari attivi a livello locale. Nonostante la diffidenza di alcune amministrazioni locali, sono convinto che sarà una bella esperienza e spero che, grazie ad attività divulgative come questa, un numero sempre più grande di ragazzi possano scoprire quello che facciamo e unirsi a noi.

Qual è la cosa più bella/interessante che ti è capitato di imparare o scoprire attraverso i progetti Wikimedia?

I progetti Wikimedia mi hanno dato molto, non solo dal punto di vista culturale ed informativo (una possibilità che è data a tutti, anche a chi non contribuisce), ma anche dal punto di vista umano e delle competenze trasversali. Insegnano come ci si prende cura di un bene comune che, dal basso, a poco a poco cresce ogni giorno di più, grazie alle cure non di un singolo, ma di una comunità intera. 

Contribuire ai progetti mi ha anche insegnato a confrontarmi con gli altri: Wikipedia, ad esempio, insegna ad argomentare le proprie ipotesi presupponendo la buona fede, dunque rimanendo sempre calmi e civili.

Prova a spiegare in una frase qual è la “magia” dei progetti Wikimedia!

La magia dei progetti Wikimedia sta proprio dentro la fondamentale rivoluzione che apportano: il sapere non é più fatto da uno è disponibile a pochi, ma è fatto da tanti ed è disponibile a tutti, con un click.

Nell’immagine: Il lungomare di Bari. Di Italo Greco, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.