Pubblico Dominio – Art.14 Direttiva Digital Single Market
26 Agosto 2020
Wikimedia e i professionisti del settore bibliotecario
28 Agosto 2020
Show all

Wiki Loves Puglia 2020

Ogni anno – in occasione del grande concorso fotografico internazionale Wiki Loves Monuments – i nostri soci e volontari attivi sul territorio si mobilitano per aiutarci ad ottenere le autorizzazioni a immortalare i monumenti delle varie regioni e per organizzare contest locali legati alla competizione nazionale.

Tra i concorsi locali anciati quest’anno, torna uno dei più attivi e partecipati dell’edizione 2019, il “tacco” d’Italia: la Puglia! Grazie all’impegno e al travolgente entusiasmo del più giovane dei soci di Wikimedia Italia, Ferdinando Traversa, e al sostegno dell’associazione culturale cine-fotografica Kaleidos di Bari gli scatti realizzati in Puglia concorrono alla competizione locale per aggiudicarsi i buoni premio in palio, e la possibilità di far parte della mostra degli scatti vincitori

L’anno scorso lo scatto Sulla via della luce di Isabella de Santis si è piazzato al quarto posto della selezione nazionale!

La lista dei beni pugliesi da immortalare lascia l’imbarazzo della scelta e quest’anno è arricchita dalla possibilità di scattare viste d’insieme di tutti i comuni del territorio.

Oltre alle vedute generali sono fotografabili ad esempio il Teatro Petruzzelli di Bari, il Tempio di Giove Toro a Canosa di Puglia e le Colonne Romane a Brindisi, ilCastello di Copertino e l’Anfiteatro Romano di Lecce– comprende anche alberi monumentali monumenti naturali come la Riserva di Torre Guaceto in provincia di Brindisi o la Riserva naturale Le Cesine in provincia di Lecce.

Che ci fate ancora seduti al computer? Mano alla fotocamera, è tempo di scattare! 

Tutti i dettagli su come partecipare al concorso sono illustrati a questo link; il caricamento delle immagini per il concorso nazionale consente automaticamente di partecipare ai contest locali.

Nell’immagine: Sulla via della luce. Di Isabella De Santis, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons