Buon compleanno Wikipedia! – Newsletter n. 185 del 16 gennaio 2019
16 gennaio 2019
Wikipediani al Memoriale della Shoah di Milano nel Giorno della Memoria
24 gennaio 2019
Show all

Wikipedia è bloccata in Venezuela

Mentre tutto il mondo ha celebrato in questi giorni il diciottesimo compleanno di Wikipedia, una triste notizia ci arriva dal Venezuela: dopo aver raccolto e verificato una serie di segnalazioni da parte degli utenti attivi sull’enciclopedia libera e dei volontari dell’associazione, il capitolo sudamericano Wikimedia Venezuela ha pubblicato un comunicato ufficiale segnalando come il fornitore di servizi Internet più importante del Venezuela, la compagnia statale CANTV, ha bloccato l’accesso a Wikipedia nelle sue varie edizioni linguistiche in tutto il Paese.
La notizia è stata confermata anche dall’osservatorio indipendente sulla libertà del web NetBlocks, che nel suo articolo uscito lo scorso sabato, 12 gennaio, riporta che il blocco è avvenuto dopo  un conflitto di modifiche sulla pagina di Juan Guaidó, recentemente eletto Presidente dell’Assemblea nazionale. Non vi sono tuttavia evidenze né dichiarazioni che dimostrino una connessione tra questi due eventi.
Nonostante le pagine dell’enciclopedia siano tornate parzialmente accessibili nella mattinata del 14 gennaio, l’accesso a Wikipedia è ad oggi ancora interdetto a oltre 30 milioni di persone in Venezuela, che sono così impossibilitate a consultare una delle principali fonti di informazione libera e gratuita in rete.
La situazione è simile a quella della Turchia, dove – nonostante i numerosi appelli alle autorità di Wikimedia Foundation e degli utenti attivi sull’enciclopedia – Wikipedia risulta ancora bloccata.
Mentre ancora mancano dichiarazioni ufficiali da parte delle autorità venezuelane in merito a questa vicenda, sosteniamo l’appello di Wikimedia Venezuela per una maggiore chiarezza e il tempestivo ripristino dell’accesso all’enciclopedia libera.

Nell’immagine: Il rapporto sul blocco di Wikipedia in Venezuela. Di NetBlocks.org, pubblico dominio, via Wikimedia Commons

1 Comment

  1. Gabriella Gajani Vivarelli ha detto:

    Francamente non riesco a capire per quale motivo viene bloccata la diffusione di una cultura onesta ricca di riferimenti alle diverse fonti di divulgazione sia della cultura scientifica che umanistica. Conoscere e progredire nella ricerca scientifica o conoscere storia, arte, tradizioni o religioni delle diverse Nazioni non può che arricchirci e aiutarci a migliorare noi stessi e gli altri dandoci anche la possibilità di correggere gli errori commessi in passato. Francamente non vedo dove può esistere un pericolo in tutto questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *