Wikimedia Italia sostiene l’appello a favore di fotografie libere in archivi e biblioteche per finalità di ricerca

Le nostre novità: SMS solidale e opportunità di lavoro! Newsletter n. 148 del 16 giugno 2017
16 giugno 2017
bookcases_at_libreria_nanni_in_bologna
Associazione Italiana Biblioteche e Wikimedia Italia insieme per il pubblico dominio
22 giugno 2017
Show all

Wikimedia Italia sostiene l’appello a favore di fotografie libere in archivi e biblioteche per finalità di ricerca

777px-archives_entreprises_web

L’approvazione del disegno di legge sulla concorrenza – al voto da parte della Camera dei Deputati il prossimo 26 giugno – potrebbe segnare una svolta per il settore della ricerca, che passa attraverso il testo dell’Articolo 1, comma 172.
In effetti, se il testo in esame venisse validato nella sua attuale formulazione, tutti gli utenti di archivi e biblioteche sarebbero legittimati a fotografare con attrezzature proprie (smartphone o fotocamera) le pagine di testi storici o manoscritti per finalità di ricerca e approfondimento.
Si tratta di un’importante opportunità, non solo in termini di valorizzazione del patrimonio culturale italiano ma anche per dare impulso all’attività di ricerca scientifica nel nostro Paese. Inoltre, ci permetterebbe di allinearci alle pratiche già in essere nei maggiori istituti culturali d’Europa.
Per questo Wikimedia Italia, insieme ad Archivisti in Movimento (Arch.I.M.), Associazione Nazionale Archeologi (ANA), Associazione Nazionale Archivistica Italiana (ANAI), Confederazione Italiana Archeologi (CIA), ha sottoscritto e sostiene l’appello promosso da Fotografie Libere per i Beni Culturali, per invitare i decisori politici ad approvare in tempi rapidi e senza modifiche il DDL concorrenza.
Leggi qui il testo dell’appello.

Nell’immagine: I registri di un archivio. Foto di moi (opera propria), pubblico dominio, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *