La nuova app per partecipare a Wiki Loves Monuments Italia

la scuola di atene molti autori presenti in wikiquote
Wikiquote: primato per l’Italia, l’edizione più ricca
16 Luglio 2021
Diritto d’autore, chiediamo la bozza del decreto
20 Luglio 2021
Show all

La nuova app per partecipare a Wiki Loves Monuments Italia

con la nuova app wiki loves monuments italia si possono caricare le proprie foto dal telefono

È stata rilasciata in questi giorni la nuova app Wiki Loves Monuments Italia, per rendere più facile la partecipazione al concorso Wiki Loves Monuments, caricando le proprie foto direttamente dal telefono. In questo modo, con un solo passaggio, sarà possibile candidare i propri scatti alle edizioni locali del concorso e a quella nazionale, rendendoli automaticamente disponibili su Wikimedia Commons.

L’app è stata pensata dalla community di wikimediani proprio per facilitare il caricamento delle foto da parte di chi non ha molta dimestichezza con Wikimedia Commons, come spiega Ferdinando Traversa, che l’ha sviluppata:

«L’idea di un’applicazione è venuta quasi tre anni fa a Susanna Giaccai, che segue l’organizzazione di Wiki Loves Toscana. L’anno scorso abbiamo reso disponibile una web app che permetteva di vedere quali fossero i monumenti fotografabili per il concorso. Con questa nuova app ci siamo spinti un po’ più in là e, in un unico strumento, permetteremo all’utente sia di vedere la lista di monumenti su una mappa interattiva, sia di caricare le proprie foto per il monumento selezionato».

La prima app

Wiki Loves Monuments Italia è la prima app simile sviluppata dalla comunità italiana di Wikimedia. Integra i dati provenienti da Wikidata e OpenStreetMap e, in linea con i principi dei progetti Wikimedia, è sviluppata con codice open source. È anche uno dei primi lavori del genere per Ferdinando Traversa, che, nonostante i suoi sedici anni, è già attivo nei progetti Wikimedia da oltre nove anni ed è anche responsabile dell’organizzazione di Wiki Loves Puglia.

«È la prima volta che sviluppo un’app del genere – racconta Ferdinando – e devo dire che senza l’aiuto di tutta la comunità dei Wikimediani e i loro feedback non sarei riuscito a sviluppare tutte queste funzionalità. Ho sempre avuto la passione per la programmazione e mi divertivo a sviluppare degli strumenti da solo. Le prime cose che sono riuscito a far funzionare erano dei bot per Wikipedia, che permettono di aggiornare in automatico informazioni sulle zone sismiche in Italia. È una soddisfazione poter mettere a disposizione la mia passione per risolvere problemi pratici, rispondendo a esigenze di altri volontari di Wikimedia, come è successo in questo caso».

Come partecipare al concorso

Per partecipare a Wiki Loves Monuments bisogna caricare tra il primo e il 30 settembre 2021 le proprie foto di monumenti che hanno rilasciato le liberatorie richieste. Al momento si può scaricare l’app da Google Play: tutti i monumenti che compaiono aderiscono al concorso. Altrimenti, si può usare la modalità tradizionale.

L’app è già utilizzabile e, anche se le foto caricate prima di settembre non potranno partecipare al concorso, saranno comunque disponibili per tutti su Wikimedia Commons.

Nell’immagine: Freelance Photographer, di Thomas Schweighofer, CC0, attraverso Wikimedia Commons