Schio parla al mondo, con i progetti Wikimedia

Un vuoto colmato dalla conoscenza libera: a Bolzano la prima edizione del concorso Fabrizio Rocca
19 Giugno 2019
La Diocesi e il Comune di Rieti scelgono i progetti Wikimedia per valorizzare la “Valle del Primo Presepe”
19 Giugno 2019
Show all

Schio parla al mondo, con i progetti Wikimedia

Quest’anno – tra fine aprile e maggio – due istituti scolastici di Schio, l’ITET Pasini e il Liceo scientifico Tron, hanno ospitato percorsi di formazione per gli studenti mirati a valorizzare il territorio e le personalità scledensi di spicco attraverso i progetti collaborativi.
Le due attività, entrambe finanziate grazie ai fondi del Programma Operativo Nazionale (PON) del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, hanno coinvolto complessivamente 48 ragazzi, che insieme ai loro docenti e al nostro tutor wikipediano Marco Chemello hanno scoperto i meccanismi di funzionamento dell’enciclopedia libera Wikipedia e lavorato alla creazione e all’ampliamento delle sue voci, con fonti autorevoli messe a disposizione dalla Biblioteca Comunale di Schio, coinvolta insieme all’amministrazione locale nel progetto.

Gli studenti dell’Istituto Tecnico Economico ad indirizzo Turismo si sono concentrati soprattutto sulle voci sui beni culturali di Schio, migliorando e traducendo dall’italiano al francese e spagnolo oltre 15 voci, da quella dedicata al Castello al Palazzo Garbin, passando per alcuni importanti monumenti come quello ai Fratelli Pasini, a cui l’istituto scolastico è dedicato.

“L’esperienza all’ITET Pasini è stata molto positiva”, ci ha raccontato il Prof. Francesco Falvo, uno dei docenti coinvolti “I ragazzi conoscono molto bene Wikipedia e la utilizzano quotidianamente. Gran parte di loro però non sa come funziona l’enciclopedia libera e non è consapevole di come il “modello Wikipedia” rappresenti un unicum nella sfera del web. A differenza di colossi commerciali del web come Google o Amazon, Wikipedia è un progetto per il bene comune e non per il profitto e il tempo trascorso sull’enciclopedia libera è a beneficio di tutti e non del singolo individuo. Penso sia molto importante che una scuola trasmetta questo messaggio ai giovani e li avvicini così a un’idea di cultura libera e aperta.”

Si ritiene molto soddisfatta anche la Dott.ssa Tiziana Cadaldini, Responsabile dell’Archivio Fondi Storici e della Biblioteca Civica di Schio, che insieme ai 19 studenti del Liceo Tron ha selezionato fonti bibliografiche per ampliare e tradurre in inglese la voce dedicata a Nicolò Tron, nota personalità scledense a cui l’istituto è dedicato.  “Credo che il lavoro di analisi dei contenuti e selezione delle fonti sia cruciale” ci ha detto Tiziana “Anche se la loro principale fonte di informazione è il web, i ragazzi spesso non sono consapevoli che ciò che leggono online potrebbe non corrispondere alla verità. Grazie a questi moduli capiscono come leggere criticamente ciò che trovano in rete e comprendono che la creazione del sapere è un processo dialettico, in cui è necessario analizzare le fonti – ad esempio anche in base al contesto storico in cui sono prodotte! – e talvolta anche metterle in discussione, sempre e comunque in modo democratico.”

Complimenti a tutti i ragazzi che hanno lavorato insieme a noi e che hanno contribuito a fare conoscere la loro città al mondo attraverso i progetti Wikimedia!

Nell’immagine: Il Monumento ai Fratelli Pasini a Schio. Di Elisa.rolle, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.