Wikimedia Italia e i musei: le collaborazioni del 2016

Wikimedia Italia diventa capitolo ufficiale di OpenStreetMap
5 febbraio 2016
[Wikimedia news] Convegno Stelline 2016. Liberare insieme il sapere si può!
18 febbraio 2016
Show all

Wikimedia Italia e i musei: le collaborazioni del 2016

Conferenza stampa al MART di Rovereto per la presentazione del Wikipediano in residenza , uno dei primi in Italia. Foto di Niccolò Caranti, CC-BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons.

In collaborazione con Icom Italia e Museimpresa, Wikimedia Italia sigla nuovi accordi per i wikipediani in residenza con alcuni tra i maggiori musei italiani.

Wikimedia Italia ha selezionato quattro musei italiani pronti ad accogliere per un periodo di circa due mesi altrettanti “wikipediani in residenza”, che garantiranno loro supporto e consulenza. Gli enti interessati sono il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, il MUSE – Museo delle Scienze di Trento, entrambi aderenti al circuito ICOM Italia; la Fondazione Mansutti di Milano, associata a Museimpresa; il Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, anch’esso affiliato Icom Italia e precursore di queste collaborazioni, con cui Wikimedia Italia ha avviato un dialogo fin dal 2009, con la cessione delle biografie della mostra virtuale “Mille anni di scienza”.

Sul modello dell’Artist in Residence, il wikipediano in residenza è una persona di particolare competenza tecnica sui “progetti wiki”, che collabora per un periodo determinato con un’istituzione, allo scopo di valorizzarne il patrimonio nel mondo Wikipedia, oltre a formare i suoi operatori per un proseguimento autonomo dell’opera. Quella del “wikipediano in residenza” è una collaborazione che, facendo incontrare da vicino due culture, quella wikipediana e quella del museo, non resta fine a se stessa ma trasmette agli operatori e al personale museale gli strumenti necessari per poter lavorare autonomamente per la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale e del materiale iconografico posseduto dall’istituzione stessa.

I musei candidati sono stati selezionati da Wikimedia Italia in base alle collezioni e al materiale iconografico, al valore artistico, culturale, storico delle stesse, e alla loro unicità. Gli enti prescelti sono risultati i più adeguati a ospitare gli esperti wikipediani, anch’essi selezionati attentamente attraverso un annuncio apparso sui canali di comunicazione esterna dell’Associazione. I quattro wikipediani in residenza sono Marco Chemello per il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, Simone Massi per la Fondazione Mansutti, Daniele Pugliesi per il Museo Galileo e Niccolò Caranti per il MUSE di Trento. Tutti e quattro si impegneranno a raggiungere gli obiettivi dettati dai musei in accordo con Wikimedia Italia, che potranno interessare all’occorrenza numerose piattaforme di tipo “wiki”, come Wikipedia, Wikimedia Commons, Wikisource, nonché le liste di discussione “GLAM – Galleries, Libraries, Archives, Museums”.

La collaborazione con i musei è stata possibile anche grazie ai rapporti di collaborazione avviati nel corso del 2015 da Wikimedia Italia con ICOM Italia e con Museimpresa – Associazione Italiana Archivi e Musei d’Impresa, nell’ambito dei fondi messi a disposizione dalla Wikimedia Foundation per la nostra Associazione e a seguito della pubblicazione di due bandi appositi.

Grazie a queste partnership, inoltre, Wikimedia Italia potrà offrire ai propri soci anche condizioni agevolate pluriennali per l’ingresso nei musei coinvolti nell’iniziativa.

Foto sopra: Conferenza stampa al MART di Rovereto per la presentazione del Wikipediano in residenza , uno dei primi in Italia. Foto di Niccolò Caranti, CC-BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons.

Comments are closed.