Conferenza State Of The Map a Bruxelles (Belgio)

meetmetonight
Evento MeetMeTonight al Museo della Scienza di Milano
30 settembre 2016
__thumb_img_EnengaArt
EneganArt espone la mostra itinerante Wiki Loves Monuments a Firenze
3 ottobre 2016
Show all

Conferenza State Of The Map a Bruxelles (Belgio)

0LXzlDAS

Circa 400 persone da tutto il mondo si sono riunite in occasione di “State of the Map”, la consueta conferenza sul mondo OpenStreetMap che quest’anno si è tenuta a Bruxelles dal 23 al 25 settembre.

Tra le rappresentanze partecipanti, anche quella della Croce Rossa Americana — fortemente impegnata nel supporto e utilizzo delle mappe OSM — e di molti Paesi ad alto tasso di povertà, quali il Pakistan e alcuni Paesi del Centroamerica, dove le leggi nazionali spesso proibiscono la raccolta di dati geografici essenziali per la popolazione locale, necessitante di conoscere l’ubicazione di fonti d’acqua, ospedali e farmacie o di ricevere informazioni sulla rete di trasporti pubblici.

La situazione nelle aree più in crisi del mondo è stata soltanto una delle tematiche affrontate nel convegno, nel corso del quale si è discusso di strumenti di monitoraggio dei dati OSM, della possibilità di produrre mappe specializzate in diversi settori e dell’insegnamento di OpenStreetMap nelle scuole.

È sempre più ricorrente l’utilizzo all’interno di contesti istituzionali delle risorse OSM, in virtù dell’immediata disponibilità dei dati e della loro catalogazione in un unico database.

Per maggiori informazioni, si rimanda alla pagina di State of the Map 2016. A questo link invece sono disponibili una raccolta di immagini dall’evento, scattate dai rappresentanti di Wikimedia Italia presso la conferenza, Lorenzo Losa (Presidente di Wikimedia Italia) e Alessandro Palmas (Project Manager di OSM  per Wikimedia Italia).

 

State_of_the_Map_2016_group_photo

Foto di gruppo dei partecipanti a State of the Map 2016. Di Tatiana van Campenhout (include il logo della conferenza di Veronica Semeco, cc by-sa 4.0), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *