Tutte italiane le foto dell’anno su Wikimedia Commons

Su Nature lo studio sugli effetti del lockdown su Wikipedia
12 Novembre 2021
Premiazione Wiki Loves Monuments 2021
16 Novembre 2021
Show all

Tutte italiane le foto dell’anno su Wikimedia Commons

un martin pescatore ritratto nella natura

Sono tutte e tre italiane le foto dell’anno 2020 votate dagli utenti di Wikimedia Commons. Scelte al termine di diverse fasi di votazione che si sono svolte tra settembre e ottobre 2021, le foto dell’anno sono state dichiarate oggi.

Il contest “Picture of the Year” su Wikimedia Commons è arrivato quest’anno alle quindicesima edizione e punta a premiare i contenuti migliori caricati dagli utenti sulla grande piattaforma dedicata alla condivisione di immagini e file multimediali con licenze libere.

Natura protagonista della foto dell’anno

Il primo posto va a Luca Casale, che nel 2020 ha caricato su Wikimedia Commons la foto di un martin pescatore ritratto nell’atto di catturare la sua preda lungo il Po, in provincia di Vercelli. La foto ha già avuto molto successo nel 2020, vincendo il primo premio al contest italiano di Wiki Loves Earth e il secondo all’edizione internazionale.

Alcedo atthis – Riserve naturali e aree contigue della fascia fluviale del Po, di Luca Casale, CC BY-SA 4.0, attraverso Wikimedia Commons

Operatori sanitari impegnati contro il Covid-19

Un altro tema che ha segnato il 2020 e i mesi a venire in tutto il mondo è stato il Covid-19. Così, le foto di Alberto Giuliani scattate ai medici dell’ospedale San Salvatore di Pesaro si sono classificate al secondo e terzo posto, all’interno del contest internazionale.

Covid-19 San Salvatore 09; Annalisa Silvestri, medico anestesista, di Alberto Giuliani, CC BY-SA 4.0, attraverso Wikimedia Commons
Covid-19 San Salvatore 02; La dottoressa Margherita Lambertini, nell’Ospedale San Salvatore di Pesaro, durante la pandemia di covid-19, di Alberto Giuliani, CC BY-SA 4.0, attraverso Wikimedia Commons

Tutti gli scatti sono presenti su Wikimedia Commons e possono essere riutilizzati liberamente, indicando sempre gli autori, la fonte e la licenza CC BY SA 4.0.