Un “tuffo” nei progetti wiki a Paestum

Estate con Wiki Loves Monuments a BASE Milano: in mostra gli scatti premiati nel 2017
6 luglio 2018
Aspettando State of the Map 2018. OpenStreetMap e ricerca accademica, una nuova strada tutta da mappare
12 luglio 2018
Show all

Un “tuffo” nei progetti wiki a Paestum

Il Parco archeologico di Paestum, notevole sito UNESCO della provincia di Salerno celebre per i suoi templi, presenta anche un ricchissimo patrimonio artistico e culturale, preservando l’unico esempio conosciuto di pittura greca figurativa in Magna Grecia: la Tomba del Tuffatore.
Composta di cinque lastre interamente dipinte, questa tomba, rinvenuta da Mario Napoli nel 1968, rappresenta una testimonianza artistica di grandissimo valore anche emblematico: prende nome infatti dalla lastra di copertura, su cui è raffigurato un uomo che si slancia in un tuffo atletico ed armonioso, forse verso l’aldilà.
In occasione del cinquantenario della scoperta di questo reperto unico nel suo genere, il Museo promuove durante tutta l’estate un ricco calendario di eventi per celebrare e far conoscere a tutti la Tomba del Tuffatore.
Si inserisce in questa cornice l’iniziativa organizzata per sabato 21 luglio dai nostri soci e volontari wikipediani – tra i quali Claudio Forziati, Gianfranco Buttu, Remo Rivelli, Alessandra Boccone, Tania Maio, Saverio Giulio Malatesta e Chiara Greco – volta a valorizzare, tutelare e rendere accessibile sul web il patrimonio del Museo attraverso i progetti Wikimedia.
A partire dalle ore 10 e fino alle 14 presso il Museo si svolgerà una maratona di scrittura su Wikipedia a partire da fonti di qualità messe a disposizione dall’istituzione stessa e selezionate dai volontari presso la Biblioteca del Polo Umanistico dell’Università degli Studi di Salerno: insieme si apprenderanno i principi base per scrivere sull’enciclopedia e si lavorerà all’arricchimento delle voci su diversi edifici presenti nel sito e delle biografie di archeologi come Mario Napoli, che grazie alla loro attività – in alcuni casi anche politica – hanno consentito a tutti noi di poter ammirare oggi quello che è Paestum.
L’evento sarà anche un’occasione per i partecipanti di scattare e caricare su Wikimedia Commons fotografie all’area archeologica: grazie all’autorizzazione già concessa dalla Soprintendenza, le immagini potranno essere utilizzate per partecipare a Wiki Loves Monuments dall’1 al 30 settembre 2018.
Siete pronti a “tuffarvi” nei wiki insieme a noi?

Nell’immagine: Affresco greco dalla “Tomba del tuffatore” (480/470 a.C.), conservata nel Museo archeologico nazionale di Paestum. Di Michael Johanning, pubblico dominio, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *