Archivi e biblioteche: il lungo (e difficile) percorso verso la libera riproduzione fotografica delle fonti documentarie

800px-chiaromonte2
WikiChiaromonte: un weekend all’insegna della condivisione e della valorizzazione del patrimonio archeologico lucano
13 febbraio 2017
nlw_artfeminism_sito
Le iniziative di WikiDonne per il mese di marzo
21 febbraio 2017
Show all

Archivi e biblioteche: il lungo (e difficile) percorso verso la libera riproduzione fotografica delle fonti documentarie

marucelliana_web

Nel nostro Paese, ad oggi, vige un divieto alla libera riproduzione digitale (attraverso fotocamera o smartphone) dei documenti contenuti in biblioteche e archivi.
Si tratta di un vincolo normativo che pone forti limiti alla ricerca accademica, in quanto condiziona agli studiosi l’accesso alle fonti, presupposto essenziale per una corretta ricostruzione storica e filologica.

Con l’obiettivo di superare queste restrizioni, gli studiosi italiani hanno intrapreso un lungo (e complesso) percorso di dialogo con le istituzioni – in particolare, il MiBACT – a favore della liberalizzazione delle riproduzioni digitali delle fonti.

Il primo passo (2013) è stato la diffusione di un appello, rivolto all’allora Ministro dei Beni Culturali Massimo Bray, promosso dall’iniziativa scientifica Reti Medievali e siglato da sette tra le maggiori società di storici e archeologi italiane e dal Consiglio Universitario Nazionale (CUN).

L’iniziativa sembrò trovare un riscontro nell’entrata in vigore del decreto “Art Bonus” (giugno 2014) salvo poi scontrarsi qualche mese dopo con l’approvazione di un emendamento restrittivo che ha visto nuovamente esclusi i materiali archivistici e bibliografici dall’elenco dei beni culturali liberamente riproducibili per finalità di studio.

Questa nuova battuta di arresto non ha scoraggiato gli accademici italiani che nel mese di settembre 2014 – su iniziativa degli studiosi Andrea Brugnoli, Stefano Gardini e Mirco Modolo – hanno dato vita al movimento “Fotografie libere per i Beni Culturali” a cui hanno aderito circa 5000 ricercatori e docenti italiani di ogni livello e settore umanistico.

Il movimento ha lavorato alla formulazione di una proposta di revisione della normativa che sostiene l’opportunità di ripristinare lo spirito originario del decreto “Art Bonus” nel rispetto della normativa in materia di diritto di autore e protezione dei dati personali e in linea con i regolamenti dei maggiori archivi e biblioteche europei.

La proposta – che trova il sostegno di Wikimedia Italia, che ha suggerito al Ministero l’adozione di una circolare interpretativa dell’Art. 108 del Codice dei Beni Culturali – è stata accolta il 16 maggio 2016 dal Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici del MiBACT.
La revisione della normativa è ora al vaglio del Parlamento, che a breve dovrebbe esprimersi al riguardo nell’ambito dell’iter approvativo del DDL Concorrenza.

Il percorso è finalmente arrivato ad un traguardo di arrivo? Seguiremo con interesse le future evoluzioni a riguardo.

Fonte:
M. Modolo, Il dibattito sulla liberalizzazione della fotografia digitale in archivi e biblioteche quattro anni dopo l’appello di Reti Medievali” in Reti Medievali, Vol 18, N° 1, Firenze, University Press (2017)

Nell’immagine: Biblioteca Marucelliana; Foto di Marco Pacini – opera propria, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *