Geografie del mondo antico su Wikimedia Commons

vbb
Le Wikigite della Settimana, dal filare della vigna al filo di seta
12 settembre 2017
salsenirano
Le Wikigite della settimana: alla scoperta dei monumenti naturali, dalle Salse di Nirano agli Scogli di Isca
19 settembre 2017
Show all

Geografie del mondo antico su Wikimedia Commons

nobilis_saxoniae_fl-_visurgis_cum_terris_adjacentib-_ab_inclyta_brema_ad_ostium_maris_-_cbt_5873463

150 mappe e carte geografiche del XVII e XVIII secolo digitalizzate e l’obiettivo di renderne disponibili oltre 650 su Wikimedia Commons, il grande database di immagini liberamente riutizzabili con licenza libera.
Questo il grandioso lavoro che la Biblioteca comunale di Trento sta portando avanti con il progetto “Geografie del mondo antico. Diffondere conoscenza con strumenti digitali collaborativi: la Biblioteca, gli Atlanti geografici e Wikimedia Commons”, sviluppato insieme a Wikimedia Italia nel quadro del Servizio Civile Universale Provinciale promosso e finanziato dalla provincia autonoma di Trento.
Il lavoro del wikipediano Francesco Serra – che da maggio collabora con l’istituzione alla realizzazione del progetto – si è focalizzato su parte del fondo cartografico della Biblioteca, istituito sul finire degli anni ’80 e composto di oltre 10.000 documenti.
In particolare, il progetto si è concentrato su un grande Atlante in cinque volumi (in realtà non si tratta di un vero e proprio atlante, bensì di una raccolta di carte assemblata successivamente alla loro pubblicazione da un possessore ancora sconosciuto, probabilmente nella prima della metà del XVIII secolo) che comprende 665 carte geografiche e altre incisioni – tra cui un Ludus bellicum e un Ludus fortificationum, curiosi e rarissimi giochi da tavolo simili al più noto Gioco dell’oca, ma incentrati su ambientazioni di carattere bellico.
Le mappe sono state dapprima catalogate e descritte nel Catalogo Bibliografico Trentino, in seguito digitalizzate, post-prodotte e infine caricate sulla raccolta di file multimediali Wikimedia Commons.
Ora, dalla funzione di ricerca del catalogo, si può arrivare direttamente all’immagine digitale di pubblico dominio, che chiunque può visualizzare, scaricare e riutilizzare.
Ogni file, inoltre, è accompagnato da un box informativo che fornisce alcuni dati (autore, editore, anno di pubblicazione) e un collegamento esterno alla scheda scientifica del catalogo.
Il progetto sarà completato entro il mese di Aprile 2018, per maggiori informazioni si veda questo link.

Referente per Biblioteca di Trento
Eusebia Parrotto
tel. 0461/889530
eusebia_parrotto@comune.trento.it
www.bibcom.trento.it

Nell’immagine: Nobilis Saxoniae fl. Visurgis cum terris adjacentib. ab inclyta Brema ad ostium maris, una delle mappe digitalizzate nel quadro del progetto. Jan Van Loon, pubblico dominio, via Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *