Oggi interroghiamo… l’enciclopedia libera: scopri i nostri corsi per docenti!

Altroconsumo e la class action contro Facebook: una battaglia per la tutela dei diritti digitali e il riconoscimento del valore economico dei dati personali
9 Ottobre 2019
La Valle Santa incorona lo scatto migliore: appuntamento domenica 20 ottobre!
18 Ottobre 2019
Show all

Oggi interroghiamo… l’enciclopedia libera: scopri i nostri corsi per docenti!

Insegni in una scuola secondaria di primo o secondo grado e sei alla ricerca di nuovi strumenti per una didattica digitale e innovativa? Abbiamo quel che fa per te!
A partire da novembre iniziano le nostre iniziative formative riconosciute dal MIUR dedicate ai docenti: tre corsi nati con l’obiettivo di formare gli insegnanti italiani ad un uso consapevole dei progetti Wikimedia e OpenStreetMap in classe.

Per l’anno scolastico 2019/2020 i corsi saranno ospitati a Verona, Milano e Potenza rispettivamente presso il Liceo Classico Linguistico Scipione Maffei, l’Istituto J.C. Maxwell e il Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei: presso ogni istituto sarà possibile seguire uno solo o tutti e tre i corsi proposti da Wikimedia Italia per quest’anno.

Il primo dei corsi sarà ovviamente dedicato al più noto dei progetti collaborativi, Wikipedia: l’enciclopedia libera rappresenta infatti un’utile risorsa per tutti i docenti che desiderano affrontare insieme alle loro classi il tema della produzione dei contenuti in Rete e dell’analisi delle fonti digitali e cartacee.

Un secondo corso, di più ampio respiro, fornirà una panoramica su diversi progetti Wikimedia – Commons, Wikipedia, Wikivoyage – analizzandone le possibili applicazioni per la valorizzazione del patrimonio culturale e del proprio territorio: una proposta che sicuramente interesserà tutti i docenti che desiderano trasmettere ai propri studenti l’importanza dei nostri beni artistici e paesaggistici e lavorare insieme a loro alla creazione di risorse educative aperte: dalle voci enciclopediche a vere e proprie guide turistiche multimediali.

Chi desidera invece educare la propria classe alla conoscenza del territorio, attraverso l’uso di OpenStreetMap non può perdere il terzo corso dedicato interamente alla “Wikipedia delle mappe” e alle sue molteplici applicazioni.

Al termine di ciascuno dei corsi, i docenti saranno nelle condizioni di progettare e realizzare un’attività in classe basata sull’utilizzo avanzato dei progetti Wikimedia e coerente con la propria programmazione didattica.

Come suggerisce inoltre il nostro coordinatore nazionale per l’area didattica, Luigi Catalani, questo tipo di attività consentirà, laddove possibile, di valorizzare gli spazi della biblioteca scolastica, un ambiente che si presta benissimo a sessioni formative basate sull’uso congiunto dei documenti cartacei e degli strumenti digitali.  

Per partecipare ai corsi è obbligatorio registrarsi sulla piattaforma S.O.F.I.A. seguendo passo per passo la procedura illustrata a questo link; per il pagamento della quota di iscrizione vi ricordiamo che è possibile utilizzare anche la Carta del Docente.

Siete pronti a diventare wiki-docenti? Vi aspettiamo numerosi e…passate parola! 

Ps. Vuoi stampare o conservare sul tuo PC il programma dettagliato dei nostri corsi, il calendario e le istruzioni per iscriverti? Scarica la brochure completa in PDF (694 kB). Trovi tutte le informazioni anche su: www.wikimedia.it/formazione-docenti/

Nell’immagine: Alla scoperta di Wikipedia, scatto di Lilit (WM AM), CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

1 Comment

  1. Federico Leva ha detto:

    Software libero e metodi aperti sono gli unici metodi didattici etici ed efficaci, come ormai diventa sempre piú chiaro. Ho appena incontrato un piccolo articolo che invece dimostra il fallimento di un approccio chiuso e proprietario (Facebook), il titolo è divertente: “Engaging students in school participatory practice through Facebook: The story of a failure” https://zenodo.org/record/3452139

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.